Un Ponte di storie copertina fb con logo e data ridimensionato IMG_2203 IMG_0557 IMG_4952
<
>
L'illustrazione simbolo di Un Ponte di storie, realizzata da Gabriele Pino

Quando parlo di Ponte mi si illuminano subito gli occhi. Perché Ponte in Valtellina è il mio paese, il luogo dove sono cresciuta e dove mi sento sempre a casa, anche se ormai vivo altrove. Per chi cresce in mezzo alla natura, dove sono la campagna e la montagna a dettare il ciclo delle stagioni, è sempre difficile abituarsi alla città. Costruisci la tua vita e il tuo lavoro, ti adegui a ritmi che non ti appartengono più di tanto, ma le tue radici restano sempre là, tra boschi e frutteti, dove ogni volta che torni riscopri la meraviglia.
Ed è proprio dalla meraviglia che sono partita quando ho cominciato a pensare a Un Ponte di Storie, Piccolo Festival letterario per bambini e ragazzi che si svolgerà a Ponte dal 3 al 6 maggio. La meraviglia che sta nei cortili nascosti del paese, negli scorci inattesi che ti si aprono quando cammini per le sue vie, nelle storie che raccontano gli antichi portoni, gli stemmi di famiglia, le fontane, i cancelli che disegnano l’ingresso di giardini che non ti aspetti. Tutto quello che avevo avuto sotto gli occhi lungo tutta la mia infanza e adolescenza, mi è sembrato all’improvviso una rivelazione piena di poesia. Una rivelazione che si è incrociata in modo del tutto naturale con la mia passione per la letteratura per l’infanzia e che mi ha fatto subito pensare a quanto sarebbe stato bello riempire i cortili e le strade del paese di voci e storie.
Da questo pensiero e dall’incontro fortunato con Francesca ed Elena, che hanno creduto subito nella forza della meraviglia che Ponte e le storie insieme potevano regalare, è nato il progetto di questo Festival, che vedrà la sua prima edizione come ospite della tradizionale manifestazione di primavera Ponte in Fiore, che dal 1978 celebra la fioritura dei meli portando in paese una serie di eventi culturali seguitissimi.

Un Ponte di Storie vuole essere l’occasione per invitare alcuni dei più amati autori e illustratori contemporanei per ragazzi e attraverso le loro storie promuovere la lettura come mezzo di crescita e, contemporaneamente, promuovere il paese come luogo ricco di storia e storie. L’idea è appunto creare un dialogo che incroci le strade di Ponte con quelle della letteratura. Pensando prima di tutto ai ragazzi (della primaria e secondaria di primo grado) e ai loro insegnanti, ma anche ai genitori, agli appassionati, ai curiosi. Per dare vita ad una manifestazione che in Valtellina ancora non c’è e di cui si sente il bisogno.

Diverse le modalità attraverso cui si svilupperà l’evento: appuntamenti con gli autori, sia per i ragazzi che per i docenti, laboratori con gli illustratori, organizzazione di mostre, coinvolgimento degli studenti come protagonisti e attori della manifestazione. Pensiamo che l’amore per la lettura e la scrittura debba passare prima di tutto dal divertimento e dalla costruzione attiva (e creativa) di qualcosa di concreto. I ragazzi saranno in prima linea nell’organizzazione e nella proposta di iniziative collaterali, dalle letture ad alta voce nei cortili alle postazioni di book crossing, dalla presenza come volontari ai vari appuntamenti alle interviste agli autori.
Preparatevi a bellissime storie perché saranno ospiti di questa prima edizione del Festival, alcuni tra i migliori autori contemporanei per ragazzi: Pierdomenico Baccalario, Davide Calì, Mariapaola Pesce, Daniele Nicastro. Sono inoltre previsti incontri e laboratori creativi con illustratori come Bernulia, Carolina Grosa e Gabriele Pino, che porterà a Ponte una bellissima mostra sulle creature fantastiche della tradizione orale, tratta dal suo progetto Il Bestiario d’Italia.

Per quattro giorni il paese diventerà una sorta di grande palcoscenico su cui si alterneranno autori, illustratori, ragazzi, insegnanti, genitori, librai. Così che attraverso il Festival si crei un evento corale, che promuova Ponte e il territorio valtellinese come realtà viva e attiva, pronta ad accogliere e a regalare cultura e storie. Un modo nuovo per creare una comunità di giovani lettori consapevoli, critici ed entusiasti che diventeranno lettori a vita.

Tutti gli eventi si svolgeranno negli spazi della Biblioteca Comunale e della Scuola M.Quadrio (Piazza Libero della Briotta), con alcune incursioni nei cortili e negli angoli più suggestivi del paese.
Il Festival è stato ideato e organizzato da tre amiche che si sono ritrovate grazie all’amore per le storie e al forte legame con le proprie radici – Oriana Picceni (Direttore Artistico), Francesca Franchetti (Coordinamento attività Istituto Comprensivo) ed Elena Folini (Assessore alla cultura del Comune di Ponte) – che hanno lavorato in collaborazione con l’Istituto Comprensivo e la Biblioteca Comunale di Ponte in Valtellina, nella speranza che la loro passione attraversi anche tutti quelli che percorreranno le strade di Ponte durante i giorni del Festival… e oltre!

Condividi questo articolo: