L’illustrazione dell’immagine coordinata del Premio Andersen 2018 è firmata da Alessandro Sanna

L’annuncio dei finalisti del Premio Andersen è sempre un momento felice, sia per chi lavora nel settore che per gli appassionati. È una di quelle occasioni che ti invita a esplorare titoli che magari non avevi ancora avuto modo di conoscere oppure ti porta a riaprire libri che avevi già letto (e archiviato) per risfogliarli con un occhio più attento e consapevole. Ed ecco che, come capita a ogni edizione, mi sono ritrovata tra le mani diverse conferme, libri che mi hanno accompagnata lungo un anno per me decisamente significativo e che, in qualche modo, hanno segnato il passo del cambiamento e della crescita. Ad esempio, Questa notte ha nevicato, di Ninamasina (Topipittori, categoria Miglior libro 0/6 anni), che ho amato moltissimo per la poesia che unisce illustrazione e fotografia (due passioni che anche per me vanno di paripasso) e, naturalmente, per la sensazione ovattata che il racconto del manto nevoso restituisce a ogni pagina. Oppure l’incantevole Victoria sogna, di Timothée de Fombelle, con illustrazioni di Mariachiara Di Giorgio (Terre di Mezzo, categoria Miglior libro 9/12 anni), che ben disegna il confine magico tra fantasia e realtà, regalandoci il quadro di un rapporto padre-figlia che nella sua complessità mostra come le difficoltà della vita reale spesso possano riunire e rinforzare i legami. Ho riaperto volentieri anche Egittomania, di Emma Giuliani – Carole Saturno (Franco Cosimo Panini, categoria Miglior libro fatto ad arte), albo capace di portarti in un viaggio pieno di emozioni anche se non sei un appassionato di piramidi e storia. Mentre Curiosa Natura, di Florence Guiraud (L’ippocampo, categoria Miglior libro di divulgazione) è sulla mia scrivania da diversi mesi: ogni volta che lo apro scopro nuovi dettagli e mi viene voglia di imparare il nome di qualche farfalla o di una stella marina. Una cosa è certa: da quando ho scoperto questo incredibile scrigno di segreti sugli animali e le loro caratteristiche, ho cambiato il mio modo di guardare la natura. Imperdibile!

Questi solo alcuni dei titoli che troverete tra i finalisti della 37esima edizione del Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia, annunciati la scorsa settimana in occasione della 55esima edizione della Bologna Children’s Book Fair. Annuncio che ci ha mostrato un’interessantissima carrellata di titoli che rappresentano l’eccellenza della produzione editoriale per ragazzi in Italia nell’ultimo anno, scelti dalla giuria e dalla redazione della rivista Andersen. Tra le novità di questa edizione, l’introduzione di una nuova categoria, quella del Miglior libro senza parole, sicuramente necessaria e molto apprezzata, soprattutto alla luce di un mercato in continuo movimento, nel quale i silent books hanno acquisito un ruolo sempre più trasversale e importante. I libri senza parole, infatti, affidano la narrazione delle storie alla forza comunicativa delle immagini, si rivolgono a tutte le fasce d’età e spesso sono anche molto complessi e raffinati, prestandosi così a più livelli di lettura.
Non perdetevi quindi la cerimonia di premiazione dei vincitori, che si terrà a Palazzo Ducale di Genova sabato 26 maggio, momento nel quale sarà assegnato anche il premio alla libreria dell’anno per ragazzi, intitolato a Gianna e Roberto Denti e promosso da AIE-Associazione Italiana Editori e rivista Andersen.

La giuria? È composta dalla direzione della rivista ANDERSEN (Barbara Schiaffino, Walter Fochesato, Anselmo Roveda), lo staff redazionale di ANDERSEN coordinato da Martina Russo, Pino Boero (Università di Genova), Mara Pace (giornalista), Anna Parola (Libreria dei Ragazzi di Torino), Caterina Ramonda (blog Le Letture di Biblioragazzi), Vera Salton (Libreria Il Treno di Bogotà di Vittorio Veneto), Carla Ida Salviati (studiosa di storia dell’editoria e letteratura per l’infanzia) e, per la categoria “libro a fumetti”, Enrico Macchiavello (illustratore e fumettista).

Qui vi lascio l’elenco dei finalisti, così che anche voi possiate ispirarvi per nuove letture o tifare per il vostro titolo preferito!

Miglior libro 0/6 anni
• Nadine Brun-Cosme – Olivier Tallec, Passo davanti, Coccole Books
• Margaret Wise Brown – Clement Hurd, Buonanotte luna, Nord Sud
• Ninamasina , Questa notte ha nevicato, Topipittori

Miglior libro 6/9 anni
• Milton e Shirley Glaser, Se le mele avessero i denti, Corraini
• Ulf Stark – ill. di Olof Ladström, Sai fischiare Johanna?, Iperborea
• William Steig, Irene la coraggiosa, Rizzoli

Miglior libro 9/12 anni
• Rumer Godden, Bambole giapponesi, Bompiani
• David Almond – ill. di Polly Dunbar, Mio papà sa volare, Salani
• Timothée de Fombelle – ill. di Mariachiara Di Giorgio, Victoria sogna, Terre di Mezzo

Miglior libro oltre i 12 anni
• Alice Keller, Nella pancia della balena, Camelozampa
• Brigit Young, Lost & Found, Feltrinelli up
• K.L. Going, Una voce di piombo e oro, Piemme

Miglior libro oltre i 15 anni
• Cath Crowley, Io e te come un romanzo, DeA Planeta
• Angie Thomas, The hate u give, Giunti
• Guido Sgardoli, L’isola del muto, San Paolo

Miglior albo illustrato
• Thomas Baas, Il volo di Osvaldo, Clichy
• Maurizio A.C. Quarello, ’45, Orecchio Acerbo
• Rébecca Dautremer, Il bosco addormentato, Rizzoli

Miglior libro di divulgazione
• Joel Meyerowitz, Guarda! La fotografia spiegata ai ragazzi, Contrasto
• Dino Ticli – ill. di Andrea Antinori, Piante e animali terribili, Lapis
• Florence Guiraud, Curiosa natura, L’Ippocampo

Miglior libro fatto ad arte
• Cruschiform, Colorama. Il mio campionario cromatico, L’ippocampo
• Emma Giuliani – Carole Saturno, Egittomania, Franco Cosimo Panini
• Giuseppina Norcia, ill. di Marcella Brancaforte, I doni degli dei, Verbavolant

Miglior libro senza parole
• Thé Tjong-Khing, Bosch, Beisler
• Paola Formica, Cuore di tigre, Carthusia
• Giovanna Zoboli – Mariachiara Di Giorgio, Professione coccodrillo, Topipittori

Miglior libro a fumetti
• Martoz, La mela mascherata, Canicola
• Julia Billet – ill. di Claire Fauvel, La guerra di Catherine, Mondadori
• Sevérine Gauthier – ill. di Clément Lefévre, La spaventosa paura di Épiphanie Frayeur, Tunué

Miglior libro mai premiato
• Helme Heine, Amici amici, Emme Edizioni
• Tatjana Hauptmann, Un giorno nella vita di Dorotea Sgrunf, LupoGuido
• Anthony Browne, Gorilla, Orecchio Acerbo

Inoltre, nel mese di maggio, insieme ai vincitori delle terne, saranno proclamati il premio al miglior illustratore e al miglior scrittore, i premi alle collane, alla miglior creazione digitale e ai protagonisti della cultura d’infanzia. Stay tuned!

Condividi questo articolo: