di Mariapaola Pesce

 

Abissi e tesori, personaggi capaci di intrigare, avvenimenti a ritmo serrato, finale sorprendente: ne Gli Smeraldi di Sumatra, nuovo romanzo di Christian Antonini per Solferino, gli ingredienti per un’avventura che tiene con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina ci sono tutti, come in poche altre storie che ho letto di recente!

 

Immaginate di essere una ragazzina che vive a Singapore in una scuola per fanciulle, e di essere ad un passo dall’inizio delle vacanze di Pasqua. Cosa pensereste se a prendervi al cancello ci fosse non il papà che amate moltissimo, ma uno sconosciuto che dichiara di essere suo amico, e se una volta arrivati a casa scopriste che di lui non c’è traccia, se non un messaggio che solo voi potete decifrare tra indovinelli, codici e linguaggi segreti? Esatto: che questo è solo l’inizio di una serie di viaggi, incontri, eventi che vi porteranno a scoprire un segreto seducente su vostro padre, a mettere alla prova il vostro coraggio e la vostra forza, e a ritrovare un relitto che fa gola a molti pericolosi personaggi!

Christian Antonini ha sempre una penna felice, ma in questo romanzo breve e fulminante dà prova di una particolare abilità nel narrare storie di avventura senza sprecare una sola parola. Fin dall’inizio ci introduce nell’universo di Janie e di suo padre Paul Tiberius dosando con sapienza le informazioni necessarie per farci seguire i fatti, e accalappiarci nel vortice degli eventi. E poi, quando l’azione lo richiede, ci sommerge d’acqua, ci circonda di pescatrici di perle, spie, coraggiosi ragazzini e incredibili colpi di scena, al punto che alla fine ci sentiamo di aver davvero partecipato agli eventi.

Con il sapore di uno splendido film di Miyazaki e le immagini un po’ trasognate con cui Gabriele Pino ha punteggiato il racconto, Gli smeraldi di Sumatra è perfetto per evadere dal chiuso delle nostre stanze, e vivere per un momento una Avventura con la A maiuscola!

 

Gli smeraldi di Sumatra, di Christian Antonini, illustrazioni di Gabriele Pino (Solferino)

Il romanzo fa parte della collana Libri Corsari, ideata per portare i lettori più coraggiosi dentro avventure senza tempo, alla scoperta dei luoghi più remoti del mondo

Condividi questo articolo: