L’estate sta prendendo il via a tutti gli effetti e anche le spiagge hanno cominciato a ripopolarsi, gli ombrelloni ad aprirsi e i bambini a giocare con la sabbia… Ma come bisogna comportarsi?

Naturalmente serve ancora qualche precauzione e un po’ di pazienza: gli stabilimenti balneari si sono attrezzati con tutto il necessario, soprattutto garantendo le distanze di sicurezza, a noi il compito di rispettare le regole e goderci il sole! Le parole chiave per contrastare una nuova ondata di Covid-19 restano sempre le stesse: cura dell’igiene, distanziamento e divieto di assembramento. Quelle per godersi la vacanza al massimo, invece: curiosità, allegria e voglia di nuove avventure! Ecco cosa aspettarsi una volta che vi troverete in spiaggia con bimbi al seguito, dalle dritte da rispettare a una lettura che ci ricorda l’importanza di prenderci cura del nostro pianeta e del mare.

 

Qualche regola

Negli stabilimenti balneari troverete gli ombrelloni (o altri «sistemi di ombreggio», come le tende) disposti in modo da avere a disposizione una superficie di almeno 10 metri quadrati. Ricordatevi che i lettini e le sedie a sdraio, quando non vicini all’ombrellone, devono essere distanti almeno 1 metro e mezzo. In generale gli spazi devono essere organizzati in modo che le persone in spiaggia possano stare a distanza di almeno 1 metro, naturalmente fatta eccezione per le famiglie e i conviventi che non devono rispettare il distanziamento fisico tra loro.

Le aree comuni, gli spogliatoi, le cabine, le docce e i servizi igienici saranno puliti e disinfettati di frequente e sempre dopo la chiusura degli stabilimenti. I lettini, le sedie a sdraio e gli ombrelloni saranno disinfettati a ogni cambio di persona o nucleo famigliare e, in ogni caso, ogni giorno a fine giornata.
In diversi punti degli stabilimenti, inoltre, troverete a disposizione prodotti igienizzanti, per non dimenticarsi mai di tenere le mani sempre pulite. Riaperte anche le aree gioco, che saranno disinfettate di frequente e avranno un accesso limitato in proporzione alla loro ampiezza.
Negli ambienti chiusi, come bar o altri spazi comuni, continua ad essere necessario assolutamente indossare la mascherina.

Nel caso delle spiagge libere vale la regola del buon senso e il rispetto dei comportamenti consigliati (distanza di almeno 1 metro tra le persone e 10 metri quadrati per ombrellone) sarà responsabilità solo nostra.

Se siete dei super sportivi potete tirare il fiato perché per quanto riguarda le attività ludico-sportive, tutti gli sport individuali, come i racchettoni sulla spiaggia e il nuoto, il surf, il windsurf e tutto quello che si può fare in acqua sono ammessi! Bisogna invece pazientare ancora un po’ per poter organizzare tornei di beach volley o beach soccer. In tutti i casi, comunque, vige la regola del buon senso, perché giocare va bene, ma senza assembramento e sempre cercando di mantenere la distanza reciproca.

 

Una lettura sotto l’ombrellone

Preparatevi a prendere appunti, perché nelle prossime settimane vi daremo molti consigli di lettura: perché ricominciare a viaggiare è bellissimo, ma anche sotto l’ombrellone, possiamo continuare a cercare nuove mete anche con l’immaginazione. E dato che oggi parliamo di mare, vi consigliamo di mettere in valigia un vero best seller che arriva per la prima volta in Italia e che quest’anno compie 30 anni, Un solo mondo, di Michael Foreman (Camelozampa). Si tratta di un albo illustrato delicatissimo, che rappresenta una vera e propria dichiarazione d’amore verso il nostro pianeta e un invito, più che mai attuale, a difendere il suo futuro. Il tutto attraverso il gioco di due bambini sulla spiaggia, che insieme ci mostrano la fragilità e la meraviglia della natura. Gli acquerelli di Foreman descrivono qui tutta la bellezza del nostro mondo, un mondo popolato di creature affascinanti, dalle foreste più remote alle profondità marine. Un mondo però in cui nessuna di queste creature può più dirsi veramente al sicuro. Età: 6+

 

Gli indispensabili da spiaggia

Al mare, si sa, le zanzare possono dare davvero noia, soprattutto verso il tardo pomeriggio. Cosa fare se pungono? Niente paura, basta mettere in valigia una confezione di Cer’8 Dopopuntura, prodotto da Larus Pharma: si tratta di cerotti adesivi lenitivi a base di ingredienti 100% naturali (Calendula Officinalis, Lavanda, Menta Piperita, vitamine E e F), ideali per calmare subito il prurito dopo la puntura. I cerottini adesivi, con divertenti disegni a tema mare che faranno tornare subito il sorriso ai bimbi, creano inoltre un “effetto barriera” che rende difficoltoso il raggiungimento della zona irritata, prevenendo così la formazione di abrasioni.

Ma non finisce qui, perché oltre alla linea Cer’8, venduta nelle migliori farmacie e parafarmacie, la vetrina di Larus Pharma comprende prodotti specifici per ogni necessità, in spiaggia ma non solo… li scopriremo tutti nei prossimi giorni!

 

 

Contenuto realizzato in collaborazione con

Condividi questo articolo: