Tra le mani di Alice, ‘Cento passi per volare’ di Giuseppe Festa (Salani Editore)

L’estate, ovunque vi troviate, è fatta anche per viaggiare con l’immaginazione! Quindi, non dimenticate di mettere in valigia anche qualche libro da leggere sotto l’ombrellone o all’ombra di un pino. Qui vi lasciamo qualche titolo per riflettere insieme sul rispetto della natura e del nostro pianeta

 

Nell’oceano galleggiano migliaia di tonnellate di plastica (si stima che nel 2050 nei mari ci saranno più detriti che pesci), le temperature sono aumentate e l’ecosistema è irrimediabilmente compromesso. In pratica, è come se la Terra avesse la febbre! E sono tanti i segnali che ci sta lanciando per chiederci aiuto. Che cosa siamo disposti a fare per aiutarla a non soffocare? È una domanda che dovremmo porci tutti, grandi e bambini insieme. Per fortuna, però, qualcosa si sta muovendo e accanto alla vulcanica Greta Thunberg è nata una generazione green di giovanissimi, pronti a mettersi in gioco e lasciarsi ispirare dalle storie: quelle che mettono l’ambiente al centro e quelle che ci insegnano a rispettarlo e a volergli (e volerci) più bene.

Scegliete il vostro angolo preferito e cominciate la vostra avventura tra le pagine! E per non farvi disturbare dalle zanzare, procuratevi una scatola di Cer’8 Family, che a base di oli essenziali 100% naturali rispettano l’ambiente e la vostra pelle.

 

Cento passi per volare, di Giuseppe Festa (Salani Editore)

Un libro perfetto per chi ama la montagna. Per chi ne respira il profumo ancestrale e ne sente le vibrazioni. Questa è una storia che fotografa un bellissimo scorcio di Dolomiti e che sa accendere con un’intensità spiazzante i sensi del lettore, perché il suo protagonista tocca, ascolta, annusa e assaggia la montagna, ma non la può vedere. E Giuseppe Festa ha saputo dipanare la potenza emozionale di questi sensi con grande poesia, senza mai farci sentire la mancanza della vista. Il rispetto per la natura e per gli animali è al centro della sua storia.

 

Ursula, di Giuseppe Festa (Editoriale Scienza)

E se la visione di Festa nei confronti dell’ambiente vi è piaciuta, non perdetevi il suo nuovo lavoro, realizzato in collaborazione con il MUSE di Trento. Protagonista è Ursula, un’orsetta che ci racconta la sua vita dai primi giorni in poi. Con il passare delle stagioni la vediamo crescere, giocare, andare alla ricerca del cibo e affrontare le avversità del bosco. E attraverso il suo sguardo Ursula ci porta così alla scoperta dell’orso bruno, specie protetta su tutto il nostro territorio. A intercalare il suo racconto gli approfondimenti curati dai ricercatori del Muse e in chiusura tanti suggerimenti di giochi fa fare nel bosco.

 

Cosa diventeremo? Riflessioni intorno alla natura, di Antje Damm (Orecchio Acerbo)

Fotografie, disegni e tante domande intorno alla natura: ecco la struttura del bellissimo albo firmato da Antje Damm, che ci mette di fronte a un’importante riflessione da condividere. Gli alberi possono innamorarsi? Il lupo sogna una lupa? Siamo autorizzati a mangiare animali? L’inverno come fa a sapere quando deve arrivare? Quale domanda vorresti fare a un animale? Esiste un’altra Terra nell’universo? Sono settanta le domande che l’autrice si pone e pone a tutti noi, grandi e piccoli, per riflettere sia su ciò che la natura significa per noi, sia su ciò che noi siamo per la natura. Nessuna domanda retorica, ma solo un modo per parlarne insieme.

 

Il mondo che (non) vorrei, di Annalisa Guglielmino (ElectaJunior)

La Terra è sporca e inquinata, le temperature in aumento presto la renderanno invivibile, così il sindaco di Belposto decide di trasferire tutto il suo paese su Zero, un piccolo pianeta incontaminato appena scoperto, dove sarà possibile ricostruire tutto. E dove non c’è il mare (così non si avrà neanche il problema di doverlo tenere pulito!), ma laghi di zolfo… Ma Bruno proprio non ne vuole sapere di partire e insieme a Triza, Kinai, Mpho e Nick Cola (bambini provenienti da diverse aree nel mondo) decide di darsi da fare per rendere la Terra un posto migliore. E mentre percorrerete questa avventura insieme ai cinque amici, tra le pagine troverete anche molte curiosità e interessanti schede esplicative: dal riciclo agli animali a rischio estinzione, dagli effetti benefici degli alberi ai pericoli che mettono a rischio gli abitanti degli oceani.

 

Zero Plastica, di Andrea Vico e Lucia Vaccarino (Fabbri Editori)

Perché è importante una corretta raccolta differenziata? Come si può ridurre la produzione di rifiuti? Che cosa si può fare per guarire un ambiente già inquinato? Tutto comincia da una gita in bicicletta lungo il fiume, durante la quale Lila, Vanessa e Filippo impareranno che per salvare il mondo c’è bisogno di agire e mettersi in gioco tutti. Basta partire dalla quotidianità, da quei piccoli gesti che possiamo compiere insieme, a casa, a scuola, nella nostra città, lungo la spiaggia o durante una passeggiata nei boschi. Tra le pagine, troverete anche tante ecocuriosità: sapete ad esempio che cos’è il plogging?
Zero plastica è uno dei primi volumi di un bellissimo progetto dedicato all’ambiente e al clima, la Collana Salvamondo, nata per spiegare ai bambini che il destino del pianeta è nelle loro mani. Tra gli altri volumi, Attenti al Clima, Non sprechiamo il cibo e Risparmiamo energia. Un consiglio? Leggeteli tutti!

 

Perché la Terra ha la febbre?, di Federico Taddia e Elisa Palazzi (Editoriale Scienza)

Un invito a riflettere sul tema del riscaldamento globale anche il libro-duetto di Federico Taddia e della climatologa Elisa Palazzi: in forma di intervista i due autori porranno e risponderanno a una serie di quesiti (Che cos’è l’effetto serra? È vero che la Terra si sta scaldando? Perché i ghiacciai sono importanti per il pianeta?) dal piglio buffo e irriverente, per accompagnare i bambini (e i loro genitori) alla scoperta delle tante problematiche che hanno fatto ammalare il nostro pianeta.

 

Le meraviglie della Terra (Salani Editore)

Ecco un affascinanate viaggio intorno al mondo alla scoperta dei tesori della terra: dagli abissi della barriera corallina ai grattacieli delle immense metropoli, dal tronco di un albero ai ghiacciai del Circolo Polare Artico, la meraviglia sta anche nel piccolo universo di un fiore. E per imparare a proteggere tutto quello che la natura ci mette a disposizione, bisogna anche imparare a conoscerlo. Proprio da questa convinzione prende le mosse questa bella enciclopedia della Terra, un vero e proprio scrigno di informazioni e curiosità, che porterà il lettore a scoprire come è fatto il nostro pianeta, quali piante e animali lo abitano e di cosa hanno bisogno per essere preservati. Buon viaggio!

 

Ale e Rovere, di Daniele Zovi (DeAgostini)

Il rispetto per la natura e per il mondo passa attraverso la delicatezza di una favola, soprattutto se corredata da tavole magnetiche, che sanno portarci direttamente tra i profumi e i colori di un bosco. Daniele Zovi, divulgatore esperto di foreste e animali selvatici convinto che conoscere meglio la natura sia il punto di partenza necessario per un nuovo patto di alleanza fra l’uomo e gli altri esseri viventi, sa accompagnarci per mano in una passeggiata un po’ magica. E ci mostra attraverso lo sguardo sgranato di una bambina le meraviglie che possono svelarci gli alberi. Ale, la protagonista, è una bambina curiosa e quando una mattina si avvia in cerca di funghi col papà, non sa che la aspetta un incontro molto speciale. Quale storia racconterebbero gli alberi se potessero parlare? Forse che non sono come gli uomini se li immaginano, e che la vita del bosco ha molti incredibili segreti da svelare.

 

Proteggere (e proteggersi) scegliendo il prodotto giusto

La cura dell’ambiente parte dalle piccole abitudini quotidiane. Ecco perché è importante scegliere prodotti che non abbiano impatto sulla natura e rispettino anche la nostra pelle. Se vi piace leggere all’aperto, ma le zanzare vi disturbano, la scelta perfetta è, ad esempio, Cer’8, prodotto da Larus Pharma, che permette di difendersi dai noiosi insetti in modo del tutto naturale, innocuo e persino divertente. Cer’8 infatti è un antizanzare che, come dice il nome, è studiato come un cerottino da applicare sulla pelle del bambino (fin dai primi mesi di età) o sui vestiti.
Come funziona? Il cerottino è formato da un cuscinetto adesivo, brevettato e 100% italiano, che sfrutta un pratico sistema di microcapsule: schiacciando la superficie al momento dell’uso, le microcapsule si rompono rilasciando sostanze naturali che alle zanzare proprio non piacciono (un complesso di oli essenziali naturali composto da citronella, eucaliptus citriodora e estratto di pomodoro selvatico).

 

Contenuto sponsorizzato realizzato in collaborazione con

Condividi questo articolo: