Un momento dei laboratori a La piccola invsione

Finalmente ricominciano i festival in presenza e ora più che mai la voglia di stare insieme è tantissima! Ripartiamo da La grande e piccola invasione di Ivrea, che apre la stagione estiva con un appuntamento all’insegna delle storie

 

Candidata a Capitale italiana del libro 2022, proprio in questi giorni (fino a domenica 30 maggio) Ivrea ospita la nona edizione de La grande invasione, il festival della lettura diventato ormai un appuntamento fisso per gli appassionati di letteratura, ma non solo. Davvero intenso il calendario di incontri dal vivo che, con 90 ospiti, oltre 60 incontri, 5 mostre, 30 lezioni, apre la rassegna estiva A riveder le stelle – Ivrea Summer Festival.
La cosa bella è che accanto al programma per i grandi, c’è anche una Piccola invasione, tutta dedicata a bambini e ragazzi, che quest’anno accenderà i riflettori su alcuni temi importantissimi, come la tutela dell’ambiente, la pace, il rispetto delle diversità, l’importanza del mondo della scuola.

Davvero numerosi gli appuntamenti per i giovani lettori, a partire da un ospite attesissimo, Roberto Piumini, che arriverà a Ivrea con il suo nuovo libro Di che colore è la libertà? (Mondadori) e protagonista al Teatro Giacosa con uno spettacolo di poesie accompagnate dalla fisarmonica di Nadio Marenco.

La giornata di venerdì 28 maggio sarà come sempre dedicata alla scuola. Con grande fatica e impegno, nell’incrociare spazi, numero di bambini per classe, disponibilità degli autori e protocolli Covid, La piccola invasione porta dieci autori nelle scuole di Ivrea, dalla scuola dell’infanzia alle scuole superiori.

Novità dell’edizione 2021, creata insieme a La grande invasione, sono alcuni appuntamenti dedicati alla fascia di età a cavallo tra la Piccola e la Grande invasione: un incontro tra i rapper Kento e Amir Issaa, un incontro sullo sport con lo scrittore Riccardo Gazzaniga (in collaborazione con l’Archivio Cinema d’Impresa), una riflessione sulla scuola con Fabio Geda, Matteo Saudino e Chiara Foà, la presentazione di una saga di fantascienza per ragazzi con l’autore Matteo De Longis.

Per i più piccoli tante attività creative e artistiche con GUD, Vittoria Facchini, Fabio Sardo, Elisa Talentino e Luca Zurzolo, le poesie di Piumini lette a Villa Girelli, le letture allo Spazio Blu, le visite guidate a tema al Museo Civico Garda e poi… le storie! La capacità di immaginare, di creare storie, di raccontare avventure, epoche, città, persone di ogni tipo e di ogni tempo è il filo conduttore di molti altri incontri, mirati a portare i ragazzi in viaggio tra le pieghe della loro fantasia attraverso bellissime pagine. Per la prima volta al festiva, arriva Davide Morosinotto, autore che non ha bisogno di presentazioni, capace di mescolare con grande intensità tutti gli ingredienti dei romanzi classici di viaggio e avventura. Ma non finisce qui, perché oltre a Morosinotto, ci saranno anche altri grandi scrittori e scrittrici come Pino Pace, Sofia Gallo, Guia Risari, Andrea Vico.

In teatro poi, domenica 30 maggio, uno spettacolo delicato ai temi dell’amicizia, Non ti vedo non mi vedi, portato in scena da Faber Teater, liberamente ispirato a In una notte di temporale, di Yuichi Kimura, anche per i piccolissimi dai 3 anni in su.

Il programma e tutte le informazioni sono disponibili qui!

Condividi questo articolo: