Tra settembre e ottobre ho sempre la sensazione che succeda di tutto. Forse perché è proprio in questo periodo che l’aria comincia a rinfrescare e le idee si fanno più lucide, forse perché tornano a far capolino corsi e seminari

 

Ed ecco il primo di cui voglio parlarvi, Tra parole e figure, un corso dedicato alla scrittura per l’albo illustrato, pensato e condotto da due creative che hanno in comune la stessa passione per i libri e una lunga esperienza in libreria. Parliamo quattro incontri on line ricchi di stimoli, di consigli, di informazioni utili e di occasioni per mettersi alla prova. Le due ideatrici, Mariapaola Pesce (autrice, coach e preziosa collaboratrice di Spinginuvole, che ben conosciamo) e Irene Greco (libraia e ideatrice del progetto Leggimiprima) portano due anime differenti, due competenze e un solo desiderio: comunicare a tutti la seduzione narrativa degli albi illustrati e la possibilità di cimentarsi con la loro scrittura. Le ho intervistate, perché mi sono chiesta: chi meglio di loro può trasmettere l’entusiasmo che ho sentito io, ascoltando a loro proposta?

 

Mariapaola Pesce

Raccontatemi chi siete, e cosa fate nella vita…
(Mariapaola, facciamo finta che non ci conosciamo!)

Mariapaola: Sono autrice per ragazzi, formatrice e coach. Amo le storie, quelle che da sempre leggo per imparare e divertirmi, quelle che oggi scrivo, e quelle che mi piace far scrivere da chi ne ha voglia, ma non si azzarda perché pensa di “non essere capace”! Ecco, se c’è una cosa che detesto è quando qualcuno rinuncia a fare quello che ama perché non si sente all’altezza, o teme di non farcela!

Irene: Irene Greco, libraia, mamma e ideatrice del progetto Leggimiprima, nato per condividere con genitori e insegnanti l’arte di comunicare con i bambini attraverso i libri e le storie. Il mio motto è “Riconosci chi sei e fallo diventare il tuo mestiere”: è dunque con gioia e impegno costanti che desidero mettere a disposizione le mie competenze e passioni per facilitare negli altri il riconoscimento delle loro.

 

Se non sbaglio è la prima volta che fate qualcosa insieme: come vi siete conosciute?

Mariapaola: Non sbagli, in effetti. Una domenica pomeriggio vagabondavo sul web, leggendo e studiando, e mi sono imbattuta in uno dei suoi bellissimi interventi sugli albi illustrati. Mi ha colpita, e sono andata a vederne altri, e pensa, ne ho trovato anche uno in cui parlava di un mio libro. Ho avuto l’impulso di scriverle, per farle i complimenti e conoscerla, sapere di più su di lei. E siccome siamo tutte e due poco inclini alle chiacchiere, ci siamo subito messe a scambiare messaggi…

Irene: Mariapaola, per me, è una di quelle coincidenze sorprendenti che in un attimo danno senso a molte cose. Mi sono immediatamente sentita in sintonia con il suo modo entusiasta ed entusiasmante di parlare non solo di libri, ma anche della vita in generale, guidata dal mio stesso desiderio di portare agli altri “cose belle” con coraggio, apertura e dedizione. Sarà un piacere dialogare al suo fianco (sebbene solo virtualmente, visto che viviamo agli antipodi d’Italia!).

 

Irene Greco

Come è nata l’idea di questo percorso?

Mariapaola: Per quanto mi riguarda, è nato perché ho voglia di lavorare con persone preparate, competenti, e aperte al sorriso. Irene è così. E’ appassionata, studia continuamente per gioia e con gioia, e comunica il suo entusiasmo. Per starle dietro bisogna trottare, impegnarsi, ed è quello che voglio: offrire occasioni di stimolo e crescita affrontando io per prima la sfida.

Irene: L’idea è nata dal desiderio convogliare due posizioni che stanno agli estremi della filiera editoriale (l’autore e il libraio) per accompagnare i futuri scrittori a riconoscere come sono fatti gli albi illustrati di qualità, quali sono i temi di cui sarebbe opportuno raccontare, e come poterlo fare senza cadere nella retorica, nel manierismo o, come dice Mariapaola, senza sembrare mia nonna.

 

Chi dovrebbe iscriversi, e perché?

Mariapaola: Chiunque ami gli albi illustrati, e voglia misurarsi con questo genere per scrivere. Proporremo selezioni di titoli scelte con cura, un po’ di teoria e gergo, esploreremo argomenti e temi, e faremo esercizio insieme. Il bello è che nessuno si farà male, perché siamo tra amici che si sono scelti per fare esperimenti di scrittura.

Irene: Sarei felice di rivolgermi a chiunque abbia il desiderio di raccontare il mondo dell’infanzia all’infanzia con rispetto, onestà e senso di responsabilità. Il momento della lettura condivisa è un territorio prezioso, dove adulti e bambini, insieme, possono specchiarsi e riconoscersi, con il solo desiderio di scoprirsi a vicenda. Chi ha voglia di scrivere il prossimo libro capace di fare questo?

 

Avete voglia di anticipare qualcosa di veramente gustoso che porterete n queste 4 puntate…

Mariapaola: Ho detto che ci metteremo alla prova, no? Per cui ho una mezza idea di leggere qualche strafalcione che hoscritto io, e raccontare terribili feedback che ho ricevuto…e che meritavo! Serviranno a ridere un po’, ma soprattutto li useremo per riconoscere gli errori e ricordarci di non rifarli!

Irene: Porterò esempi pratici del modo in cui un albo illustrato funziona, del perché è stato ideato in un certo modo, quali strategie comunicative si possono instaurare tra il testo e le figure affinché sia molto probabile che scocchi l’amore tra un lettore e il suo libro. Gli albi illustrati sono dispositivi magici e gli scrittori sono i prestigiatori capaci di realizzarli: Mariapaola e io siamo pronte a mettere i nostri ingredienti perché l’incantesimo funzioni.

Non resta che seguire queste due ragazze, e lasciarci catturare dalla loro energia.

Condividi questo articolo: