di Mariapaola Pesce

 

Può una gita in montagna tra un padre e un figlio che sembrano non avere più nulla in comune diventare il motore per una totale RINASCITA, individuale e del rapporto incrinato da tempo?
Può, se i protagonisti di questa avventura, in cui la FATICA e la PAURA sono compagni costanti di viaggio, sono disposti ad affrontare la VERITÀ, quella che da troppo tempo rifiutano, per tenere lontano un DOLORE che non sembra avere fine.

Amedeo da tempo si isola dietro al lungo ciuffo di capelli che lo protegge come uno scudo da chiunque si avvicini troppo. Quando il padre scopre che non va a scuola per un mese, e comincia a prendere brutti voti, organizza una gita in montagna, per loro due soli. È convinto che le ampie vallate, le lunghe salite un passo dietro l’altro, i muscoli in movimento serviranno a rimarginare le ferite e i silenzi che si sono insinuati tra loro. Ma Amedeo odia quella gita, e la affronta con dispetto e rancore. Anche perché è costretto a separarsi dal cellulare, che gli trasmette quella musica che gli serve a stordirsi e a non sentire, attimo per attimo, la mancanza della madre, scomparsa da circa un anno in un modo assurdo e ingiusto.
Pian piano, però, in maniera quasi impercettibile, le distanze si avvicinano, complici una parete difficile, un rifugio chiuso e una frana, che dopo aver imprigionato il padre, costringe Amedeo ad affrontare una corsa contro il tempo e contro le sue paure per cercare un aiuto e salvarlo.

Respira con me è un romanzo intenso, in cui ognuno dei due personaggi affronta un percorso di profondo cambiamento, imparando a conoscere le proprie forze e a contare sull’altro per superare il dolore che li accomuna, ma che fino a quel momento li ha allontanati.
Raffaella Romagnolo, poi, è bravissima nell’attribuire la voce giusta a ciascuno dei due, utilizzando una lingua ricca e pregiata, e mostrando una conoscenza e una vicinanza straordinaria con il mondo degli adolescenti, i loro interessi e la loro fragilità.

 

Respira con me, di Raffaella Romagnolo, Pelledoca

Condividi questo articolo: